Il miele – 3

I mieli monofloreali


Miele raro e insolito; la pianta è di origine cinese, invasiva, oggi presente su tutto territorio nazionale, in particolare in ambienti urbani, dove può occasionalmente dare origine a mieli unifloreali. Fiorisce a giugno e luglio

  • caratteristiche organolettiche: colore chiaro e aroma di media intensità, decisamente fruttato, va bene per dolcificare

Viene prodotto un po’ in tutta Italia, nelle zone collinari, ma le Prealpi possono essere considerate la zona più tipica di provienienza

  • colore: molto chiaro, tra i più chiari in assoluto
  • cristallizzazione: assente
  • odore: assente
  • sapore: molto delicato ricorda leggermente il profumo dei fiori, vellutato e vanigliato, fine
  • proprietà: corroborante, lassativo, anti infiammatorio per la gola,patologie contro l’acidità di stomaco
  • usi: è un miele molto delicato che si presta per questo a qualsiasi uso; non dispiace a nessuno e, per l’elevato contenuto in fruttosio e l’assenza di sapori forti, è il + adatto per dolcificare bevande, yogurt, frutta, ecc. senza modificarne il gusto proprio delle vivande.

Zona di produzione area mediterranea

  • colore: chiaro, molto chiaro
  • cristallizzazione: lenta, molto lenta
  • odore: debole, media intensità
  • sapore: una connotazione floreale e una vegetale che richiama l’odeore della pianta
  • proprietà: ricostituente, antibatterico, cicatrizzante, stress psicofisico.
  • usi: per dolcificare la macedonia di banane, fragole

Produzione in aree di forte pastorizia, soprattutto Sardegna

caratteristiche organolettiche: miele di colore ambrato con tonalità gialla, odore di media intensità, di tipo floreale, ma anche con note animali; ricorda quindi l’odore dei fiori di margherita e di crisantemo. In bocca ha una duplice connotazione, floreale/fruttato, ma anche animale (acciuga sotto sale); leggermente amaro e astringente.

Miele unifloreale solo in alcune zone della Sicilia orientale e della Sardegna

  • caratteristiche organolettiche:  miele di colore medio e scuro, con aroma odore di media intensità, con una connotazione vegetale, di sedano, e tostata al tempo stesso, che può ricordare l’aroma della carruba (seme della pianta)

Si produce in tutta l’Italia, dalle Alpi alla Sicilia, nelle zone di media montagna.

  • colore: da ambrato a quasi nero, secondo le zone di produzione
  • cristallizzazione: in genere assente o a grossi cristalli
  • odore: decisamente intenso, aromatico, pungente, acre, chimico, animale, di mela marcia, di sapone di Marsiglia, di tannino
  • sapore: pieno. aromatico, al primo approccio dolce ma sempre pronto a trasformarsi in più amaro ed astringente
  • proprietà: favorisce la circolazione sanguigna, antispasmodico, astringente, disinfettante delle vie urinarie
  • usi: è un miele particolare, che piace a chi in genere non ama i gusti piatti e i sapori troppo dolci; il gusto amaro e l’aroma forte non lo rendono adatto a dolcificare, ma piuttosto a insaporire o aromatizzare o,meglio ancora, al consumo tal quale, sul pane, eventualmente con burro, da provare con la ricotta, con parmigiano reggiano e preparazioni a base di carne di maiale

Si può produrre miele unifloreale di ciliegio, sia da piante coltivate  che da ciliegi selvatici delle zone collinari delle Prealpi

  • colore: da molto chiaro, fino a ambrato scuro
  • odore: di media intensità  e aroma che richiamano il gusto del nocciolo della ciliegia dello zucchero caramellato e del croccante del mandorlo
  • cristallizzazione : lenta, con cristalli fini
  • proprietà: diuretico e pulizia fegato
  • uso: un cucchiaio tutte le mattine dona energia al nostro organismo;o dolcificare tisane o the o ancora a colazione su fetta biscottata

E’ una specie largamente coltivata sia per uso alimentare, per l’olio che si ricava dal seme, che per produrre foraggio, fiorisce in primavera. Può produrre mieli unifloreali dove è coltivata con sufficiente abbondanza, in Italia è un miele raro, mentre in altri paesi tipo Germania rappresenta una buona produzione.

  • caratteristiche organolettiche: cristallizza molto rapidamente, in una massa pastosa costituita da cristalli molto fini.
  • colore: è ambra o ambra quando liquido, beige con tonalità grigie quando cristallizzato.
  • odore: all’esame olfattivo presenta un odore di media intensità, che richiama l’odore della pianta , con note sulfuree.
  • sapore: alla degustazione appare generalmente più gradevole, con una nota lattea e una sensazione spesso rinfrescante dovuta ai fini cristalli.
  • proprietà: è un buon depuratore e disintossicante del fegato, molto consigliato dai dietologi

Prodotto in autunno a seguito di estati piovose, prevalentemente in Sardegna e Toscana.

  • colore: ambrato, con tonalità grigio verdi
  • cristallizzazione: spesso irregolare, è un miele che fermenta piuttosto in fretta
  • odore: pungente, simile ai fondi di caffè
  • sapore: decisamente amaro e caratteristico
  • proprietà: consigliato nella cura delle infiammazioni intestinali, ricercato per le sue proprietà antisettiche
  • uso: contrariamente a quello che si può pensare, si può usare anche per dolcificare, in particolare il caffè con il quale si sposa molto bene. Il suo dolce/amaro è particolarmente gradevole nelle bevande e vie spesso usato sia in liquori sia in bevande a più bassa concentrazione alcolica. un uso è quello accostato alla ricotta, spalmato su fetta di pecorino e su ravioli di pasta fritti ripieni di formaggio fresco

Produzione centro Italia

  • colore: oro pallido da liquido
  • cristallizzazione: abbastanza rapida
  • odore: mediamente intenso
  • sapore: dolce, caramella balsamica, leggermente speziato e piccante
  • proprietà: disinfettante dello stomaco e  per le emicrania

Viene prodotto nell’Italia centro-meridionale, dove gli eucalipti sono piantati  come siepi frangivento

  • colore: ambrato medio, nel cristallizzato tende al grigio
  • cristallizzazione: a cristalli fini e consistenza compatta
  • odore: intenso, di funghi secchi, di cane bagnato, di dado da brodo, di liquerizia, di formaggio parmigiano stagionato, di affumicato, di caramello, di asfalto bagnato
  • sapore: forte, simile all’odore, ma più gradevole, ricorda le caramelle inglesi alla liquerizia
  • proprietà: calmante della tosse, antisettico, balsamico, antiparassitario
  • usi: si accoppia molto bene, per affinità, con formaggi stagionati, quali il parmigiano e il pecorino

La produzione  quasi in tutta Italia, cresciuta molto negli ultimi anni parallelamente alla diffusione della coltura.

  • colore: giallo vivo
  • cristallizzazione: variabile ma sempre rapida
  • odore: leggero, di paglia, di cera
  • sapore: simile all’odore leggermente erbaceo con una sensazione rinfrescante, simile allo zucchero fondente
  • proprietà: antinevralgico, febbrifugo, consigliato contro il colesterolo
  • uso.: è un miele delicato, che al consumo tal quale risulta non molto dolce, fresco e leggermente fruttato; adatto per le ricette con elevate quantità di miele, per esempio nei dolci tradizionali, pan speziale, mostaccioli e torroni

Zona di produzione area mediterranea. Può dare origine a miele unifloreale nelle zone di intensa coltivazione, per esempio Sicilia e Puglia.

  • caratteristiche organolettiche: colore molto chiaro, odore e aroma di intensità debole o media, fini e con richiamo al profumo dei fiori o all’aroma della mandorla.

Fiorisce maggio-giugno e può dare origini a mieli unifloreali nell’Italia centrale.

  • caratteristiche organolettiche: colore ambrato, odore e aroma di media intensità, non particolarmente caratteristici, con nota caramellata, buon diuretico e disintossicante.

Prodotta in molte regioni italiane alla fine dell’estate.

  • colore: molto scuro, quasi nero
  • cristalizzazione: assente
  • odore: vegetale, di verdura cotta, di marmellata di pomodori verdi
  • sapore: decisamente meno dolce e stucchevole dei mieli di nettare, di malto, di verdura cotta, di prugne secche
  • proprietà: antianemico, utilizzato dagli atleti per l’alto contenuto di sali minerali
  • usi: dolcificare il latte e i latticini, per il suo aroma , la particolare resistenza alla cottura si presta anche a sostituire il caramello nelle molte e diverse preparazioni che lo prevedono

I diversi tipi di timo della flora spontanea italiana partecipano   alla composizione di molti mieli multifloreali. un miele di timo unifloreale si produce in Sicilia, nelle zone montuose dell’interno.

  • colore: ambrato medio
  • cristallizzazione: variabile
  • odore: molto intenso, fra il floreale e il “chimico” , può forse ricordare il timoloi
  • sapore: altrettanto forte quanto l’odore
  • proprietà: antispasmodico, febbrifugo, disinfettante per apparato respiratorio
  • usi: è un miele complesso, con note floreali e speziate, che possono essere valorizzate per esempio all’accostamento con yogurt greco, ma anche più aromatiche e legnose che si prestano ad arricchire un condimento per marinare carne e pesce da servire crudi

Fiorisce ad aprile-maggio-giugno, e mieli unifloreali sono possibili nelle zone di coltura intensiva tipo Puglia.

  • caratteristiche organolettiche: colore molto chiaro, cristallizzazione molto lenta, odore e aroma di debole intensità, con leggera nota vegetale; energetico per gli sportivi e per chi è sottoposto a  molti sforzi fisici

Le maggiori produzioni si hanno negli agrumeti meridionali e insulari.

  • colore: molto chiaro, bianco nella cristallizzazione
  • cristallizzazione: spesso con cristalli grossi e sabbiosi
  • odore: intenso, ricorda i fiori
  • sapore: miele di grande intensità aromatica, tra il floreale e il fruttato
  • proprietà. favorisce il sonno, calmante e rilassante
  • usi: ottimo sulle fette biscottate e si sposa ottimamente con le tisane e il the