Miele di Castagno

-4%

Miele di Castagno

 6,80  6,50

PESO NETTO: 500 gr.


Un miele di colore ambrato scuro, aromatico e leggermente acre che, oltre ad essere amato per il suo sapore particolare, che ricorda le castagne con un retrogusto un po’ amaro, vanta molte altre proprietà benefiche per l’organismo di chi lo assume. Ha solo 300 calorie per 100 gr e contiene acqua, proteine, glucosio e fruttosio, vitamina P, sali minerali, soprattutto ferro.


Miele monoflora dal fiore di Castanea sativa
Fioritura: giugno-luglio


NOTE ORGANOLETTICHE:

  • Aspetto: colore ambra scura, con riflessi rossicci. Quasi nero in certe zone produttive.
  • Olfatto: intenso, penetrante, ammoniacale
  • Palato: caratteristico, forte, un po’ pungente.
  • Retrogusto: amaro, più o meno forte secondo il territorio d’origine.

NOTE:
Generalmente non cristallizza. E’ un miele un po’ da intenditori, per chi non ama i sapori troppo dolci.

Availability: Disponibile COD: MIE-CST Categorie: , Tag: , ,
  • Descrizione
  • In cucina
  • Cosmetica
  • Informazioni aggiuntive
  • Recensioni (0)

Descrizione

Proprietà del miele di castagno
Questa varietà di miele è scuro colore ambrato, sapore intenso, piccante, leggermente amaro. Resta liquido per molto tempo. Il miele di castagno è raccomandato nel trattamento dei seguenti tipi di malattie: malattie dello stomaco, malattie intestinali, malattie renali, epatiche e la congestione della prostata, osteoporosi. Favorisce la circolazione sanguigna, antispasmodico, astringente, disinfettante delle vie urinarie. Efficace, nei disturbi renali e ulcere varicose, ha un’ azione antimicrobica, in particolare nelle malattie dello stomaco, intestino e reni. Consigliato per gli anziani, a differenza di miele di castagno selvatico: quest’ultimo aumenta la pressione sanguigna.
Il miele di castagno è ricco di sostanze benefiche per l’organismo e assunto nelle giuste quantità non presenta alcun effetto collaterale anche se consumato quotidianamente, tuttavia essendo molto calorico e zuccherino va consumato in modeste quantità.
Il miele di castagno è anzitutto facilmente digeribile in quanto ricco di zuccheri semplici quali il fruttosio, ha un alto potere nutritivo ed energetico per cui è particolarmente adatto ad essere incluso nell’alimentazione di anziani, bambini e sportivi, ha proprietà cicatrizzanti e lenitive, è infatti un toccasana per la gola irritata, aiuta a fissare i sali minerali, favorisce la circolazione sanguigna, ed è disinfettante delle vie urinarie è insomma una miniera di proprietà salutari.
Inoltre grazie al suo alto potere nutritivo ed idratante è utilizzato in cosmetica come base per creme per la pelle o per i capelli.

  • Tra tutti quelli disponibili il miele di castagno è quello più ricco di ferro e quindi particolarmente utile in casi anemia inoltre costituisce una vera e propria riserva di sali minerali quali potassio, magnesio, sodio e calcio che in associazione agli zuccheri stimolano il sistema circolatorio influendo su un miglior assorbimento delle calorie assunte.
  • Il miele di castagno è noto anche per il suo potere antispasmodico e risulta quindi perfetto per aromatizzare un infuso a base di camomilla da bere caldo in caso di dolori mestruali.
  • Un antico rimedio della nonna per grandi e bambini affetti da tosse e mal di gola è un cucchiaino di miele che grazie alla sua azione emolliente e umettante, a contatto con la gola irritata esercita un immediato effetto lenitivo che allevierà il bruciore della gola.
  • Il miele ha anche proprietà antibatteriche grazie alla gluco-ossidasi, un enzima che a contatto con l’acqua forma l’acido gluconico e l’acqua ossigenata, notoriamente disinfettante rendendo l’assunzione del miele molto utile nel trattamento degli stati influenzali.
  • Per chi soffre di abbassamento della voce il miele di castagno è un ottimo alleato: abbinando il potere lenitivo del fruttosio in esso contenuto ad infusi di erbe al potere antinfiammatorio e antibatterico si può curare la raucedine efficacemente e in modo naturale. Basta preparare una tisana da bere tiepida a base di tiglio e malva, 1 cucchiaino di erisimo ad azione mucolitica e 1 cucchiaino di lichene di Islanda dal potere antibiotico, lasciare coperto in infusione per almeno 10 minuti e disciogliervi 1 o 2 cucchiaini di miele di castagno.
  • Il miele di castagno è particolarmente adatto in caso di persone che fanno lavori pesanti e atleti che necessitano quotidianamente di molta energia, allo stesso modo per il suo potere ricostituente è consigliato a chi affronta una convalescenza.
  • E’ un vero toccasana in gravidanza, soprattutto dal terzo mese in poi e nella fasi di post parto e allattamento che possono essere causa di eccessivo affaticamento, il fruttosio contenuto, infatti, viene bruciato dall’organismo più lentamente del glucosio con un rilascio energetico prolungato nel tempo.

Alcune parole o espressioni usate per descrivere l’odore del miele di castagno:
aromatico, pungente,acre, verde, vegetale/erbaceo, di legno, di tannino, fenolico, amaro, di ceci lessati, di cartone bagnato, di sapone di Marsiglia.
Alcune parole o espressioni usate per descrivere il gusto/aroma del miele di castagno:
simile all’odore.


Varianti
il miele di castagno si presenta spesso misto a quello di tiglio (in questo caso viene familiarmente chiamato “castiglio”), a causa della sovrapposizione delle fioriture. Prende allora una nota medicinale, mentolata. Se misto a melata, il colore è più scuro, il sapore meno amaro rispetto a quando è totalmente di nettare.
Il miele di castagno è una delle principali produzioni nazionali, ma ha fatto fatica ad affermarsi nei gusti di chi acquista il miele, sia per il colore scuro, sia per l’aroma forte e amaro. Solo dagli anni ’80 ha cominciato ad avere un suo mercato. Prima molti apicoltori praticavano addirittura una transumanza “di fuga” per evitare di produrlo.
E’ oggi uno dei mieli più utilizzati in cucina e in abbinamento con formaggi soprattutto stagionati (pecorini, caprini), ma anche con ricotta.


Per saperne di più sul miele di castagno e la sua pianta:
http://www.mieliditalia.it/index.php/mieli-e-prodotti-delle-api/mieli-italiani/202-miele-di-castagno
http://it.wikipedia.org/wiki/Castanea

Risotto agli asparagi condito con miele e semi di papavero

Ingredienti (per 4 persone)

  • 300 gr di riso Vialone Nano
  • 1/2 cipolla bianca tritata fine
  • 1 spicchio d'aglio schiacciato
  • 300 gr di asparagi
  • 700 ml di brodo vegetale
  • 60 gr di Grana Padano
  • Olio extravergine d'oliva
  • Sale e pepe
  • miele di castagno
  • semi di papavero

Procedimento

Pulire gli asparagi, privandoli della parte più dura del gambo, lavarli sotto acqua corrente e asciugarli tamponandoli con carta assorbente. In una padella fare soffriggere 2 cucchiai di olio extra vergine d'oliva con la cipolla, l'aglio e metà degli asparagi tagliati a pezzetti, con le punte intere. Lasciare insaporire, aggiungere il riso e farlo tostare. Bagnare con il brodo vegetale e iniziare la cottura, mescolando di tanto in tanto aggiustare di sale e pepe. Dopo 14 minuti, aggiungere le rimanenti punte di asparagi e i gambi a pezzetti. Continuare la cottura per altri 5 o 6 minuti, spegnere il fuoco e mantecare il risotto con un cucchiaio di olio e il Grana Padano grattugiato. Mentre cuoce il riso, in un pentolino porre 3 cucchiai di miele di castagno a scaldare. Quando inizia a sfrigolare nel pentolino, aggiungere 2 cucchiai di semi di papavero, mescolare e lasciare riposare a fuoco spento fino al momento di servire nel piatto. Servire il riso nei piatti da portata e irrorarlo con il miele caldo ai semi di papavero.


Radicchio brasato con taleggio di capra e miele di castagno

Ingredienti (per 2 persone)

  • 2 cuori di radicchio Verona (a cespo lungo)
  • 100 gr di taleggio di capra
  • 2 cucchiai di miele di castagno
  • 2 cucchiai di olio extravergine d'oliva
  • 2 cucchiai di aceto di mele
  • sale q.b.

Procedimento

Lavate e mondate il radicchio, tagliatelo per il lungo e fatelo arrostire per un minuto in una padella con un goccio di olio. Regolate leggermente di sale, aggiungete l'aceto e il miele e spadellate il radicchio per ancora un minuto (non cuocete a lungo il radicchio, deve rimanere croccante). Dividete il radicchio nei piatti, distribuitevi sopra dei pezzetti di taleggio e cospargete con un altro filo di miele, macinando del pepe nero a piacere. Servite subito.


Arrosto al latte caramellato al miele con ananas e mais

Ingredienti

  • 800 gr. Carré di maiale o lonza
  • 1 l di latte
  • 60 gr di burro
  • 3-4 cucchiai di miele di castagno
  • 3-4 cucchiai di zucchero di canna
  • 8 chiodi di garofano
  • 6 foglie di salvia
  • Farina q.b.
  • 1 ananas piccolo
  • 2 barattoli di mais

Procedimento:

rosolare per bene su tutti i lati, salate e pepate e poi coprite il tutto con il latte. Lasciate cuocere per circa 50 minuti, girando la carne di tanto in tanto. A cottura ultimata scolare il carré su una griglia e spalmatelo con il miele, rotolandolo nello zucchero di canna, facendolo aderire omogeneamente alla carne. Mettete la carne nel forno per mezz'ora sotto il grill caldissimo. Sotto la carne sistemate una teglia che permetterà di raccogliere il sugo che colerà dall'arrosto durante la cottura. In questa fase girate spesso la carne. Aggiungete al fondo di cottura della carne nel latte una noce di burro, un cucchiaino raso di farina, e un po' di sale, così da creare una crema liscia. Se il fondo risultasse troppo denso aggiungere del latte per renderlo più fluido. A parte tagliare l'ananas a pezzi e fatelo saltare in una padella con il burro; fate lo stesso con il mais preventivamente scolato della sua acqua. Unite i due contorni. Servite il maiale in fettine, accompagnate con il contorno di ananas e mais, irrorando il tutto con il sughetto in precedenza preparato.

Consiglio: Se non vi piace molto il gusto agro-dolce, o volete renderlo meno spiccato, riducete la dose del miele e dello zucchero di canna. Volendo, potete sostituire il carré di maiale con del girello di vitello o dell'arrosto di tacchino. Se durante la cottura in forno volete evitare fumo ed eccessivi odori, versate nella teglia posta sotto all'arrosto un bicchiere o due di acqua.

Usi cosmetici del miele di castagno
Il miele di castagno è un ottimo ingrediente naturale per nutrire la pelle e i capelli con delicatezza e lenire eventuali stati d’irritazione, anticamente veniva applicato localmente su bruciature ed escoriazioni proprio per il potere d’accelerare il processo di guarigione. Oltre al suo potere nutriente il miele, se assunto regolarmente, un cucchiaino al mattino, può essere un grande aiuto per preservare la tonicità della pelle e prevenire la cellulite, infatti esso favorisce la circolazione sanguigna, stimola la diuresi e combatte la stipsi.
Oggi i fan dei prodotti naturali e preparati in casa lo utilizzano in molti altri modi ad uso cosmetico, infatti i carboidrati che, insieme all’acqua, sono la componente fondamentale del miele, hanno un’azione altamente lenitiva ma anche idratante.


Per nutrire i capelli secchi e sfibrati: grazie al suo potere ammorbidente e idratante, il miele, ricco di fruttosio dal potere cicatrizzante, se applicato sui capelli a contatto con la cheratina, che costituisce in parte il capello, risulta molto efficace rendendo i capelli più forti.
Una maschera fai da te da applicare prima dello shampoo si prepara mescolando 1 cucchiaio scarso di miele, 3 cucchiai di yogurt e 2 cucchiaini di olio d’oliva, va applicata sui capelli umidi e tenuta in posa almeno mezz’ora.


Per la pulizia del viso viso: Per una maschera esfoliante ma delicata mescolare 1 cucchiaino di miele di castagno ad 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio, aggiungere amido di riso quanto basta per addensare il composto che andrà applicato sul viso ben deterso, lasciato agire 10-15 minuti.
Con le mani umide effettuare dei movimenti circolari con una leggera pressione sul viso evitando le zone sensibili come il contorno occhi, labbra e lati del naso, risciacquare bene con acqua tiepida. la pelle sarà esfoliata e più luminosa grazie allo sfregamento meccanico del bicarbonato massaggiato sul viso ma senza essere stressata da ingredienti troppo aggressivi.


Rimedio d’emergenza per pelli secche e spente: in caso di pelle del viso e delle mani particolarmente stressata sarà sufficiente stendere un sottile strato di miele sulla zona interessata, lasciare agire 20 minuti e risciacquare, la pelle risulterà nutrita e levigata grazie al potere rigenerante degli zuccheri contenuti nel miele.


Rimedio contro il gonfiore: versare in mezzo bicchiere di latte intero, 2 gocce di olio essenziale di sandalo, 2 di benzoino, 2 di vaniglia e 2 cucchiai di miele di castagno i cui zuccheri idrosolubili riattivano la circolazione e nutrono la pelle del corpo in profondità. Versare il tutto nell’acqua della vasca e stare in ammollo per 15 minuti per un bagno profumato e ad effetto decongestionante, quindi ottimo per le gambe gonfie e per riscaldarsi alla sera dopo una giornata passata fuori.

Informazioni aggiuntive

Peso 0.690 kg
Contenuto

500 gr, 1000 gr

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.


Recensisci per primo “Miele di Castagno”

Ricordamelo
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: